DERMULO ANNO 1275

 

 

TRASCRIZIONE
I MASI
I TERRENI SUDDIVISI PER MASI
I TOPONIMI
ELENCO DEI TOPONIMI
TERRENI, POSSESSORI E CONFINANTI
I NOMI
ELENCO DI TUTTI I NOMI
ELENCO DEI DERMULANI
ELENCO DEI POSSESSORI O CONFINANTI

 

La preziosa pergamena del 1275, conservata in originale nell’archivio di Castel Bragher, è di primaria importanza per fare un po’ di luce, su quello che era il paese di Dermulo nel XIII secolo. A tutt’oggi, se si esclude la Carta de Hermulo del 1218 e la sua riconferma del 1220, è il documento più antico pervenutoci che fa riferimento al nostro paese in modo così importante. La fortuna ci è stata amica nel consegnarci un documento molto leggibile, ben conservato, senza mutilazioni, macchie, o altri danni, a differenza purtroppo di un altro atto del 1357, dove questi problemi hanno compromesso, l’estrapolazione di interessanti informazioni.

Il documento redatto a Dermulo il 15 giugno 1275 presso la casa di Bonaccorsio, è una dichiarazione di beni di proprietà vescovile, resa davanti a Mugo di Castel Bragher, Gislimberto di Malosco e Ramperto di Cis, quali testimoni. Tale inventario, steso dal notaio Rodegerio, fu ordinato dal Capitano delle valli Ottone di Rotpach, per il conte Mainardo II di Tirolo, quale avvocato della chiesa tridentina. Per stilare l’elenco furono chiamati Giorgio, Mazono e Domino che presumibilmente saranno stati fra gli anziani, fidati e autorevoli uomini di Dermulo, che giurarono sulla completezza e sulla veridicità di quanto dichiaravano. L'affitto di tali beni doveva essere versato ad Enrico Thun, vescovo di Trento, al quale i dermulani erano rimasti fedeli, forti del privilegio/dovere assegnato ai loro padri da Federico Vanga. I beni, quasi tutti riconducibili a terreni ad esclusione di una casa con una terra casalina, sono elencati come appartenenti a quattro masi. In primo luogo sono dichiarati i 27 terreni appartenenti al Maso dei Casali, poi i 6 del maso di Martino Bozolo, successivamente i 2 del Maso di Horabona ed infine i 4 del Maso di Fugaza. (Per essere più precisi, 3 terreni appartenenti al Maso dei Casali, furono dichiarati alla fine del documento, perché plausibilmente dimenticati in precedenza.) Forse si era scelta la suddivisione in masi per dare all’elencazione un certo ordine, partendo da un dato maso e procedendo via via con quelli attigui, per evitare di tralasciare qualche terreno.

In base alla tipologia i 38 terreni elencati, sono suddivisi in 21 arativi, 11 vigneti, 4 prati. Viene menzionata anche e una terra casalina con una casa. Di due terreni non è indicata la coltura e per tutti nulla traspare sulla loro estensione di tali terreni. I terreni coltivati, nella fattispecie i vigneti, che sicuramente per loro natura richiedevano una maggiore vigilanza, credo non fossero molto lontani dall’abitato. Ritengo che l’odierna zona del Raut fosse stata coperta da bosco, così come tutta la zona a monte della SS 43 dir. verso Sanzeno. Invece nei pressi dell'abitato e verso Taio, dove ancora oggi si può notare la traccia dell'antica centuriazione romana, la terra era sicuramente coltivata.

E' interessante notare che il Santuario di San Romedio, già in quell’anno possedeva un terreno a Dermulo. Non sono in grado di dire se il campo corrispondesse a quello che il santuario possedeva nelle pertinenze di Dermulo ancora nel Seicento.

 

 

 

TRASCRIZIONE DEL DOCUMENTO

 

 

  1. Anno domini millesimo CC° LXXV Indicione Tertia die XV di exerunte Junio in vila Arm
  2. uli prope domum Bonacurssi in presentia Mugi de castro brager Gislimberti de malusco et Ranperti
  3. fili Menadussi de Zisso et allis testibus rogatis. Ibique Jorgius de armullo, Mazonus de armullo et Do
  4. minus de eadem villa Armuli iuraverunt ad sancta dei evangelia ex Jussum et precetum domini Otonis de Rotpach
  5.  capitani annanie pro domino Mainardo comite tirolensis et avocatu ecclesie tridentine et totus ex parte bona fide absque fraude
  6. dicente et dessignante totas teras et possessiones de episcopatu tridentino que jacent in pertinencia ville armuli
  7. et in illis pertinentis in monte et in plano et de quibus vero possessionibus solvitum fictum ad dominum Hernricum de Tono et
  8. suos participes pariter dixerunt et manifestaverunt: unam peciam tere arativam de Mansso Casalis que jacet in plano et
  9. cui cohaeret ab una parte Villielmus et ab alia filius q. Tomei. * Item unam peciam arativam jacente ad Asolum et
  10. cui cohaeret ab una parte Dominus et ab alia via comunis et quam possidet dictus Jorgius. Item unam peciam
  11. arativam jacente ad Novallem de Rallo cui cohaeret ab una parte Tapusius et ab alia parte Armilia et quam terram possi
  12. det dicta Armilia. Item unam peciam arativam in Contra et cui cohaeret ab una parte tera sancti Romedii et ab
  13. aliam Armilia et Bonacurssius et quam possident dicta Armilia et Bonacurssius. Item unam peciam arativam jac
  14. entem sub Pedrezolo et cui cohaeret ab una parte et ab alia comune et quam teram possidet dictus Walterinus
  15. Item unam peciam arativam jacentem in eadem hora Pedrezoli et cui cohaeret ab duabus partibus Tapusius et quam possidet
  16. dictus Mazonus. Item unam peciam arativam jacentem in via Orva et cui cohaeret ab una parte via comunis et ab alia
  17. ille de Morando et quam terra possidet Odolricus. Item unam peciam arativam jacentem ad Roncum et cui cohaeret ab una
  18. parte filius Thomei, et ab alia via et quam possidet Monica et eius fili. Item unam arativa jacente ad Roncum
  19. et cui cohaeret ab una parte Monica et ab alia via comunis et quam possidet Belinus Item unam peciam
  20. jacentem in Pedrosso et cui cohaeret ab una parte inferiori via et superiori Avanzius et quam possidet Zuilianus
  21. Item unam peciam tere arativam jacentem in Campedelo et cui cohaeret ab una parte via comunis et ab alia Sonus et quam
  22. possidet dictus Sonus. Item unam peciam arativam jacentem in Valuclo et cui cohaeret ab una parte Zulianus et ab alia
  23. via comunis et quam terram possidet Mazonus. Item unam peciam arativam jacentem in Valuclo et cui cohaeret ab
  24. uno capite dictus Zulianus, et ab alia parte Monica et eius fili et quam possidet Monica. Item unam
  25. peciam tere arativam jacentem in eadem hora Valucli et cui cohaeret ab una parte Henricus et ab alia Monica et
  26. quam possident Ingelmarius et sui fratres. Item unam peciam arativam jacentem in Rovesso et cui cohaeret ab una
  27. parte Bosolus et ab alia Walterinus et quam possidet dictus Dominus et eius fratres Item unam peciam tere jacentem in Ro
  28. vesso et cui cohaeret ab una parte Benvenutus de Pelatto et ab alia via et quam possidet Walterinus
  29. Item unam peciam tere arativam jacentem super Pozum et cui cohaeret ab una parte Bonus et ab alia via et quam
  30. possidet Bonus filius q. Thomei. Item unam peciam arativam jacentem a Sablonezum et cui cohaeret ab
  31. una parte Bonefacius et ab alia fili Morandi. Et quam possidet Bonus. Item unam peciam terre
  32. cassalinam cum domo[1] super se habente et cui cohaeret ab una parte Dominus et ab alia parte via
  33. et quam teram casalinam et domum possident Sonus et Bosolus. Item una peciam tere vignatam
  34. jacentem in Vantolinam et cui cohaeret ab una parte Bonacossius et ab alia Walterinus
  35. quam tera vignata possident fili Bonaiudi de Conrado. Item unam peciam pradivam jacentem
  36. in Somocinum et cui cohaeret ab una parte Nicolau Nicolaus et ab alia comune et quam possi
  37. dent illi de Monica. Item unam peciam pradivam jacentem in eadem hora Somocini et cui cohaeret
  38. ab una parte Bonacorssius et ab alia Tapussius et quam possident illi de Monica. Item unam peciam
  39. pradivam jacentem in Formnum et cui cohaeret ab alibus partibus Mazonus. Item unam peciam pradivam jacentem
  40. in Formnum et cui cohaeret ab una parte dictus Mazonus et ab alia filie Boverini et quam possidet
  41. dictus Mazonus et omnes predicte terre nominate et scripte sunt de Mansso Casalis de Armulo
  42. *et quam possident Mazonus et Zaneta.
  43.  
  44. Item manifestaverunt de Mansso Martini Bozoli pariter dixerunt unam peciam teram arativam jacentem
  45. in Plouao cui cohaeret ab una parte predictus Jorgius et ab alia Zulianus et quam possidet dictus
  46. Zulianus. Item unam peciam teram vignatam jacentem in Somagro et cui cohaeret ex parte supe
  47. riori via et inferiori heredes Benvenute de Smarrano et qua possidet heredes dicte Benve
  48. nute. Item unam peciam tere vignatam jacentem in Saldato et cui cohaeret ab una parte Mazo
  49. nus et ab alia fili quondam Quatrosoldi et quam possidet dicti fili Quattrosoldi Item
  50. duas pecias teras vignatas in Saldato prime quass cohaeret ab una parte Mazonus et ab alia
  51. Segalla et secunde cohaeret ab una parte dictus Jorgius et ab alia comune et quam possidet
  52. dictus Jorgius Item unam peciam teram arativam jacentem ad Novalle de Rallo et cui cohaeret ab una
  53. parte Jorgius et ab alia Dominus et quam possidet Zordanus
  54.  
  55. Item de Mansso Fugaze manifestaverunt unam peciam vignatam jacentem in Plaza et cui cohaeret
  56. ex parti inferiori Mazonus con suis participibus et superioris heredes quondam Marquadini de Corado
  57. et quam possidet Oluradinus filius Pavarini de Conrado. Item unam peciam tere arativam jacentem
  58. sub Ecclesia et cui cohaeret ab una parte Tapusius et ab alia Dominus et quam possidet Belinus
  59. Item unam peciam vignatam jacente in Aulivesso et cui cohaeret ab una parte via comunis
  60. et ab alia Boscus et quam possidet Zordanus et Hinricus Item unam peciam tere vignatam
  61. jacentem in Saldato et cui cohaeret ab una parte Walterinus et ab alia Jorgius et quam possidet
  62. dictus Jorgius
  63.  
  64. Item manifestaverunt de Manso Horabone unam peciam vignatam et unam aliam jacentes
  65. in Saldato prime quas cohaeret ab omnibus partibus dictus Jorgius Jorgius et secunde cohaeret ab omni
  66. bus partibus dictus Jorgius et quas possidet dictus Jorgius
  67.  
  68. Item et iterum de Manso predictus Cassalis manifestaverunt predicti Iurattores unam
  69. peciam tere arative in Pedrosso et cui cohaeret ab uno latere limes et ab alio Mazonus et quam
  70. possidet fili Monize. Item unam peciam arativam jacentem in eadem hora prope Mazonus
  71. et prope limites et quam possidet dictus Mazonus. Item unam peciam vignatam jacentem
  72. in Valbocara prope via comune et prope comune et quam possidet Oluradi
  73. nus de Pavarino de Conrado.
  74.  
  75. Ego Rodegerius domini regis Conradi notarius istitui rogatus
Si ringrazia don Fortunato Turrini per l'aiuto nella trascrizione.
 

 

 


I MASI

 

 

Un interrogativo viene da porsi, ossia quale significato avesse per l’elencazione, la partizione in masi.

Col termine “mansus” poteva intendersi allo stesso modo, una cascina in legno lontana dal paese, utilizzata per il deposito del fieno oppure un insieme di proprietà comprensive di una casa, affidato dal possidente ad un fittavolo. Nel primo caso si hanno ancora oggi moltissimi esempi in Val di Rabbi e in Val di Pejo ed erano utilizzati durante la fienagione e spesso vi si portava il bestiame, evitando così il trasporto del fieno in paese. Nella seconda tipologia invece, il proprietario dava in locazione a una persona fidata, in modo che ne potesse trarre sostentamento per se e la famiglia, una casa ed un insieme di appezzamenti che di solito la circondavano. Il masadore doveva curare la proprietà ed apportare nel contempo migliorie. E' indubbio che i mansi di cui si parla nel documento appartenessero a quest'ultima categoria.

Nell’elenco i terreni, come già detto, vengono raggruppati in base al loro maso di appartenenza, ma sono posseduti indistintamente da varie persone. Ad esempio Giorgio risultava essere locatario di terreni in tutti e quattro i masi. Molto probabilmente quindi, i masi qui citati, fanno riferimento ad entità sorte già nel XII secolo e che, al momento della stesura del nostro inventario, avevano già perduto in parte la loro caratteristica peculiare, ossia l'indivisibilità. Di tre dei vecchi masi, si era conservata solo la denominazione dell'antico possessore, invece del quarto, il maso del Casale, aveva probabilmente prevalso la peculiarità della presenza di un casale posto nelle pertinenze della casa. Grazie ad altri documenti sono stato in grado di individuare questa casa di Dermulo che nel 1275 era abitata da Sono e da Bosolo, riconoscendola nella casa che più tardi sarà detta al Castelet. Credo che pure il nome al Castelet o Castel derivasse in questo caso dalla storpiatura del nome casale o meglio "Casaleto", come veniva descritto nelle investiture più antiche. Infatti da "Casalet" a "Castelet" il passo è breve! A questo maso nel 1275 appartenevano fra gli altri, i terreni in Plano, in Campdello, in Roncum e in Vantolinam. Questi appezzamenti li troviamo elencati nel 1357  in una locazione fatta da Michele fu Simone Thun a Nicolò fu Delaito di Dermulo. Il Thun, nel documento, si dice egli stesso locatario, quindi stava eseguendo un sub-affitto in quanto egli stesso gli aveva ricevuti in locazione dal vescovo. Il maso del Casale, pur riducendosi per numero di terreni, fu locato durante i secoli successivi a varie persone, spesso provenienti da fuori paese.

Un altro maso a Dermulo che da un contratto di compravendita del 1806 si dice essere soggetto alla tassa gafforiale è il maso Guelmi. Nella scrittura appare chiaramente che erano soggetti al Gafforio sia la casa che i terreni. Infatti per i terreni esiste un riscontro molto antico a partire dal 1510, ma non invece per la casa. Analizzando i terreni ascritti nel 1275 al maso di Martino Bozolo possiamo notare che esiste una certa corrispondenza con quelli del futuro maso Guelmi. Il più certo è il grande appezzamento posto a est e a sud della casa ovvero al Somagro. Un altro è il Novalle di Rallo, poi Raut da Ral, posseduto in epoca pre-Guelmi dai vecchi proprietari della futura casa n. 1. Infine anche il terreno in Plouà si potrebbe forse riconoscere in quello successivamente denominato in Traina. La casa però non è mai risultata proprietà della mensa. In tutte le locazioni a partire dal 1510 fino al 1780, l'unica casa citata è sempre quella al Castelet. Quindi non so come spiegarmi questa affermazione del 1806, se non con un errore. Già nella prima metà del Trecento i signori di castel Valer possedevano un maso a Dermulo locato a Nascimbene, ma risulta difficile riconoscerlo in uno dei masi vescovili.

 

 

TERRENI SUDDIVISI PER MASI

 

 

Tipo di terreno  

Possessori

Maso del Casale    

In Plano

Arativo

Mazonus et Zaneta

Ad Asolum

Arativo

Jorgius

Ad Novallem de Rallo

Arativo

Armilia

In Contra

Arativo

Armilla e Bonacurssius

Sub Pedrezolo

Arativo

Walterinus

Pedrezolo

Arativo

Mazonus

Via Orva

Arativo

Odolricus

Ad Roncum

Arativo

Monica et eius fili

Ad Roncum

Arativo

Belinus

In Pedrosso

Indefinito

Zulianus

In Pedrosso

Arativo

Fili Monize

In Pedrosso

Arativo

Mazonus

In Campedelo

Arativo

Sonus

In Valuclo

Arativo

Mazonus

In Valuclo

Arativo

Monica

In Valuclo

Arativo

Ingelmarius et suis fratres

In Rovesso

Arativo

Dominus et eius fratres

In Rovesso

Indefinito

Walterinus

Super Pozum

Arativo

Bonus f. q. Thomei

A Sablonezum

Arativo

Bonus

Domus

T. casalina

Sonus et Bosolus

In Vantolinam

Terra vignata

Bonaiudi

In Somocinum

Prato

Illi de Monica

In Somocinum

Prato

Illi de Monica

In Formnum

Prato

Non specif. Prob. Mazonus

In Formnum

Prato

Mazonus

In Valbocara

Terra vignata

Oluradinus f. Pavarini de Corrado

 

 

 

Maso di Martino Bozolo

 

 

In Plouao

Arativo

Zulianus

In Somagro

Terra vignata

Heredes Benvenute

In Saldato

Terra vignata

fili q. Quatrosoldi

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

Ad Novallem de Rallo

Arativo

Zordanus

 

 

 

Maso di Horabona

 

 

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

 

 

 

Maso di Fugaza

 

 

In Plaza

Terra vignata

Oluradinus f. Pavarini de Corrado

Sub Ecclesia

Arativo

Belinus

In Aulivesso

Terra vignata

Zordanus et Hinricus

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

 

 

 

 

I TOPONIMI

 

 

I toponimi elencati nel documento sono molto numerosi e per alcuni di essi se ne può riconoscere ancora oggi l’ubicazione. Il toponimo più inequivocabile è Somagro tuttora esistente e ben definito; un altro interessante è il Novale de Rallo, corrispondente all’odierno Raut da Ral. Il termine Raut e Novale si equivalgono e stanno ad indicare un terreno bonificato, quindi nuovo. La coincidenza di significato però è solo una casualità, infatti da "Novalle de Rallo" si è arrivati all'odierno "Raut da Ral" con i seguenti passaggi. In dialetto "novale" di dice "noal", quindi abbiamo "Noal de Ral". Poi alla fine del Quattrocento "Ual de Ral" per poi diventare Audaral o Auderal fino al Settecento ed infine nell'Ottocento Raut da Ral. Da notare che Rallo potrebbe essere stato anche il nome di una persona oltre che il paese delle Quattro Ville.

Roncum corrispondente all’attuale Ronc, era un terreno che la comunità dava in uso ai suoi censiti per un numero predefinito di anni. Importante notare che i due terreni arativi con tale nome, confinavano entrambi con una via, quindi una strada che per forza di cose passava a valle dei terreni proprio come oggi. E’ quindi attestata la vetustà del percorso che dal paese portava verso e Sanzeno. Il tracciato odierno è il risultato quindi dell’ampliamento della vecchia strada che ha conservato l’antico percorso. A riprova di ciò rimangono i confini fra i Comuni Catastali di Coredo, Dermulo e Sanzeno che vedono nella suddetta strada un punto indiscutibile di riferimento.

Riguardo al Campedello sono riuscito a determinarne la localizzazione partendo dal maso di appartenenza, dai confini citati in questo documento e in un altro del 1357. Il Campdello apparteneva a Sono e confinava con la via comune; Sono come vedremo in seguito abitava nella casa del maso Casali che sarebbe l'odierna casa n. 9-10-1-12. In una successiva locazione nel 1357 il terreno al Campdel, citato con altri terreni riconducibili all'antico maso Casali, confinava con la casa del locatario. Per questo ritengo di poter affermare che l'antico Campdel sia da ritenersi il terreno poi denominato Ciampet e precisamente le p.f. 766 e 767. Oggi la zona è in gran parte occupata dalla strada statale, ferrovia Trento-Malè e relativa stazione.

Super Pozum, indica una zona a monte dell’odierna località Poz.

La terra casalina in un primo momento pensavo fosse riconducibile al toponimo Ciasalin, oggi non più utilizzato ma comunque ben delimitabile. Invece la terra casalina con sopra una casa di cui si riferisce nel documento è da ricercare nella zona al Castelt e la domus del maso Casali non era altro che la stessa casa ivi presente. Questa situazione appare chiara da un documento di locazione del 1563. La zona fu poi denominata al Castelet e la casa anche Castel Negro. A tal proposito è interessante l'ipotesi che fosse così appellata dal suo proprietario o locatario, Negro risultante già defunto nel 1346. Un altro indizio a favore di questa ipotesi è che nel 1357, il notaio Vender figlio del fu Negro figurava come confinante del terreno a Ronch, che come sappiamo è sempre stato legato storicamente alla predetta casa.

Vantolinam sembra avere una certa assonanza con Voltoline, e credo si tratti proprio di questo toponimo. Nel 1357 si trova quello che io credo corrisponda alle Voltoline: Nantoline.

Plaza, era un vigneto che potremmo far coincidere con Plazzec o forse Splazzol. Nella zona del Maso Rauti la località Plazzec confina con il comune di Coredo, fattore che può deporre a favore di questa ipotesi considerato che il possessore del terreno in Plaza era di Coredo e così pure un confinante. Si può escludere invece qualche attinenza con le attuali Plazze.

Sub Ecclesia è un altro toponimo importante che attesta la presenza di una chiesa a Dermulo, fin dal 1275. In quanto al luogo, così come identificato già nel 1618 in un altro documento, dovrebbe trattarsi del piccolo terreno sottostante alla chiesetta dei SS. Filippo e Giacomo. All’epoca, considerando che la chiesetta non aveva le dimensioni attuali, il terreno dovrebbe essere stato più esteso. Ma è pure possibile, che il toponimo si riferisse alla zona sottostante la chiesa, in riva al Rio Pissaracel.

Pedrosso era un toponimo ancora vivo nel Cinquecento, ma oggi non più localizzabile. Nell'enunciazione dei confini di due dei tre terreni a Pedrosso, compare il limes che in questo caso potrebbe essere inteso o come corso d'acqua o come altro confine naturale quale ad esempio un burrone. Per tale motivo si potrebbe azzardare l'ipotesi che si trattasse del futuro Lamport.

L’arativo giacente in Contra, confinava con il terreno proprietà del Santuario di S. Romedio. In un documento del 1758 si cita un terreno proprietà del Santuario che si trovava nella zona dell’odierno Ciamblonc. Quindi potrebbe essere che la zona di Campolongo, fosse all’epoca denominata in Contra.

Il nome “via orva” non è ben decifrabile, la “v” potrebbe essere una “n” che farebbe conseguire il toponimo Orna, ancora oggi esistente, ma nel comune catastale di Coredo  anche se confinante con Dermulo.

Il terreno in Plano che apparteneva al maso Casali, ritengo si trovasse a nord della casa. Lo stesso terreno è infatti citato nel 1357 e si dice confinare con la casa.

Gli altri toponimi sono oggi del tutto sconosciuti.


 

ELENCO DEI TOPONIMI

 

 

Righe

Toponimo

Note

Occorrenze

8

In Plano

 Probabilmente a Nord della casa al Castel

I

8 41 68

Mansso Casalis

 

I I I

9

Ad Asolum

Forse si tratta di Risola?

I

11 52

Ad Novallem de Rallo

Dovrebbe essere il Raut da Ral

I I

12

In Contra

 

I

14 15

Sub Pedrezolo

 

I I

16

Via Orva

 

I

17 18

Ad Roncum

Ronc

I I

20 69

In Pedrosso

Si riscontra nel 1560 (a Pedros)

I I

21

In Campedelo

Era l'odierno Ciampet

I

22 23 25

In Valuclo

 

I I I

26 27

In Rovesso

 

I I

29

Super Pozum

Poz

I

30

A Sablonezum

Sabionare?

I

32

Terra cassalinam

 

I

34

In Vantolinam

Forse Voltoline

I

36 37

In Somocinum

 

I I

39 40

In Formnum

 

I I

44

Mansso Martini Bozoli

 

I

45

In Plouao

 

I

46

In Somagro

Somagro

I

48 50 61 65  

In Saldato

 

I I I I

55

Mansso Fugaze

 

I

55

In Plaza

Presso la piazza del Paese. Splazzol?

I

58

Sub Ecclesia

Sotto la Chiesa

I

59

In Aulivesso

 

I

68

Mansso Horabone

 

I

72

In Valbocara

 

I

 

 

 


TERRENI, POSSESSORI E CONFINANTI

 

 

Terreno

Tipo di terreno

Possessori

Confinanti

In Plano

Arativo

Mazonus et Zaneta

Villielmus, filius Thomei (Bonus)

Ad Asolum

Arativo

Jorgius

Dominus-Via comune

Ad Novallem de Rallo

Arativo

Armilia

Tapusius Armilla

Ad Novallem de Rallo

Arativo

Zordanus

Jorgius Dominus

In Contra

Arativo

Armilla e Bonacurssius

S.Romedio Armilla e Bonacurssius

Sub Pedrezolo

Arativo

Walterinus

Comune da tutte le parti

Pedrezolo

Arativo

Mazonus

Tapusius da due parti

Via Orva

Arativo

Odolricus

Via comune, Illi de Morando

Ad Roncum

Arativo

Monica et eius fili

Via, filius Thomei

Ad Roncum

Arativo

Belinus

Monica, Via comune

In Pedrosso

Indefinito

Zulianus

Via, Avanzius

In Pedrosso

Arativo

Fili Monize

Limes, Mazonus

In Pedrosso

Arativo

Mazonus

Prope Mazonus, prope limites

In Campedelo

Arativo

Sonus

Via comune, Sonus

In Valuclo

Arativo

Mazonus

Via comune ,Zulianus

In Valuclo

Arativo

Monica

Uno capite Zulianus, Monica et eius fili

In Valuclo

Arativo

Ingelmarius et suis fratres

Hinricus, Monica

In Rovesso

Arativo

Dominus et eius fratres

Bosolus, Walterinus

In Rovesso

Indefinito

Walterinus

Benvenuto de Pelatto, Via

Super Pozum

Arativo

Bonus f. q. Thomei

Bonus, via

A Sablonezum

Arativo

Bonus

Bonefacius, fili Morandi

Cassalinam

T. casalina c. Domo

Sonus et Bosolus

Dominus, Via

In Vantolinam

Terra vignata

Bonaiudi

Bonacurssius, Walterinus

In Somocinum

Prato

Illi de Monica

Nicolaus Nicolaus, Comune

In Somocinum

Prato

Illi de Monica

Bonacurssius, Tapusius

In Formnum

Prato

Non specif. Prob. Mazonus

alibus partibus Mazonus

In Formnum

Prato

Mazonus

Mazonus, filia Boverini

In Plouao

Arativo

Zulianus

Jorgius, ab alia Zulianus

In Somagro

Terra vignata

Heredes Benvenute

Parte sup. Via, inf. Heredes Benvenute de Smarrano

In Saldato

Terra vignata

fili q. Quatrosoldi

Mazonus, fili q. Quatrosoldi

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

Mazonus, Segalla

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

Jorgius, Comune

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

Walterinus, Jorgius

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

Omnibus partibus Jorgius

In Saldato

Terra vignata

Jorgius

Omnibus partibus Jorgius

In Plaza

Terra vignata

Oluradinus f. Pavarini de Corrado

Part.inf. Mazonus, sup. Heredes q. Marquadini de Coredo

Sub Ecclesia

Arativo

Belinus

Tapusius, Dominus

In Aulivesso

Terra vignata

Zordanus et Hinricus

Via comune, Boscus

In Valbocara

Terra vignata

Oluradinus f. Pavarini de Corrado

Prope Via comune, Prope  comune

 

 

 


I NOMI

 

I nomi che appaiono più frequentemente nel documento, sono Domino, Giorgio e Mazono, cioè gli stessi che sono incaricati di elencare i terreni, e che compaiono rispettivamente con 7, 10 e 13 occorrenze. Il che significa, che oltre che autorevoli i tre uomini erano anche “possidenti”, oppure che l’autorevolezza, derivava proprio dal possedere. Monica appare pure con 8 citazioni, seguono Zuliano e Walterino con 5 e Tapusio e Armilia con 4.

Come si può vedere dalla tabella i nomi appaiono principalmente come possessori o confinanti. In qualche caso i terreni appartengono a due persone, di questi almeno 3 sono citati entrambi i nomi: Armilia e Bonaccorso; Mazono e Zaneta; Zordano e Enrico; nei rimanenti, il secondo nominativo si riferisce al fratello. Fra le copie di nomi  è ipotizzabile una parentela.

Tre nomi sono di persone non di Dermulo e precisamente: Olurandino figlio di Pavarino, e Marquandino che erano di Coredo e Benvenuta che era di Smarano. Nel caso degli ultimi due nel documento ci si rifaceva ai loro eredi.

E’ poi citato un Benvenuto seguito dal nome “de Pelatto”. Probabilmente era un soprannome che faceva chiaramente riferimento alla condizione di calvizie del padre o del nonno di Benvenuto. Nel 1372 troviamo la notizia che a Tassullo abitava un tale Nicolò detto Pilato figlio del fu Avancio, originario di Dermulo. I Pilati di Tassullo quindi discendevano da questo Nicolò.

Ho ragione di ritenere che grazie alla grande quantità di terreni elencati, tra possessori e confinanti, ci sia giunto un quadro quasi completo dei capifamiglia del paese. I nomi univoci elencati sono circa una trentina, il che ci consente di stimare una popolazione residente intorno alle 150 unità.

Riguardo all’etimologia, possiamo osservare la presenza di alcuni nomi di origine tedesca, quali Walterinus, Odolricus e Ingelmarius discendenti di quelle persone elencate nel 1218 nella Carta de Hermulo, in cui veniva sancita la dipendenza diretta degli abitanti di Dermulo alla Chiesa di Trento.


 

 

ELENCO DI TUTTI I NOMI DI PERSONA CHE COMPAIONO NEL DOCUMENTO

 

In grassetto se possessore, normale se confinante, corsivo se altro

 

 

RIGA

NOMI

2

Bonacurssi

Mugi de Castro Brager

Gisliberti di Malosco

Ramperti f. Menadussi

3

Jorgius

Mazonus

Dominus

 

4

Otoni de Rotpach

 

 

 

7

Hericus de Tono

 

 

 

9

Villielmus

filius q. Tomei (Bonus v. riga 30)

 

 

10

Dominus

Jorgius

 

 

11

Tapusius

Armilia

 

 

12

Armilia

 

 

 

13

Armilia

Bonacurssius

Armilia

Bonacurssius

14

Walterinus

 

 

 

15

Tapusius

 

 

 

16

Mazonus

 

 

 

17

Illi de Morando

Odolricus

 

 

18

filius Thomei (Bonus)

Monica et eis fili

 

 

19

Monica

Belinus

 

 

20

Avancius

Zulianus

 

 

21

Sonus

 

 

 

22

Sonus

Zulianus

 

 

23

Mazonus

 

 

 

24

Zulianus

Monica et eius fili

Monica

 

25

Hirnricus

Monica

 

 

26

Ingelmarius et sui fratres

 

 

 

27

Bosolus

Walterinus

Dominus

 

28

Benvenutus de Pelatto

Walterinus

 

 

29

Bonus

 

 

 

30

Bonus f.q.Thomei

 

 

 

31

Bonefacius

fili Morandi

Bonus

 

32

Dominus

 

 

 

33

Sonus

Bosolus

 

 

34

Bonacurssius

Walterinus

 

 

35

fili Bonaiudi de Conrado

 

 

 

36

Nicolaus

 

 

 

37

Illi de Monica

 

 

 

38

Bonacurssius

Tapussius

Monica

 

39

Mazonus

 

 

 

40

Mazonus

figliae Boverini

 

 

41

Mazonus

 

 

 

42

Mazonus

Zaneta

 

 

44

Martini Bozoli

 

 

 

45

Jorgius

Zulianus

 

 

46

Zulianus

 

 

 

47

Heredes Benvenute de Smarrano

Heredes Benvenute de Smarrano

 

 

48

Mazonus

 

 

 

49

Fili q. Quatrosoldi

Fili q. Quatrosoldi

 

 

50

Mazonus

 

 

 

51

Segalla

Jorgius

 

 

52

Jorgius

 

 

 

53

Jorgius

Dominus

Zordanus

 

56

Mazonus

Heredes q. Marquadini de Corado

 

 

57

Oluradinus f. Pavarini de Corrado

 

 

 

58

Tapusius

Dominus 

Belinus

 

60

Boscus

Zordanus

Hinricus

 

61

Walterinus

Jorgius

 

 

62

Jorgius

 

 

 

65

Jorgius

 

 

 

66

Jorgius

 

 

 

69

Mazonus

 

 

 

70

Fili Monize

Mazonus

 

 

71

Mazonus

 

 

 

72

Oluradinus de Pavarino de Conrado

 

 

 

75

Rodegerius Notaio

 

 

 

 


 

 

ELENCO DEI NOMI DEI DERMULANI

 

 

Righe

Nome

Occorrenze

2 13 34 38

Bonaccorso

I I I I I

3 45 51 52 53 62 65 66

Giorgio

I I I I I I I I I I

3 16 23 39 40 41 42 (48-49) 50 56 69 70 71

Mazono

I I I I I I I I I I I I I

3-4 10 27 32 53 58

Domino

I I I I I I I

9

Villielmo

I

9 18

Figlio del fu Tomeo (Bono)

I I

11 15 38 58

Tapusio

I I I I

11 12 13

Armilia

I I I I

14 27 28 34 61

Walterino

I I I I I

17

Morando

I

17

Odolrico

I

18 19 24 25 37 38 70

Monica

I I I I I I I I

19 58

Belino

I I

20

Avanzio

I

20 22 24 45 46

Zuliano

I I I I I

21 22 33

Sono

I I I

25 60

Enrico

I I

26

Ingelmario

I

27 33

Bosolo

I I

28

Benvenuto de Pelatto

I

29 31

Bono

I I

30

Bono fu Tomeo

I

31

Bonefacio

I

31

figlio di Morando

I

36

Nicolò

I I

40

Figlia di Boverino

I

42

Zaneta

I

49

figlio del fu Quatrosoldi

I I

51

Segalla

I

53 60

Zordano

I I

60

Bosco

I

 


 

POSSESSORI O CONFINANTI

 

NOME

POSSESSORE

CONFINANTE

ALTRO

NOTE

Villielmus

 

I

 

 

Bonus

I

I

 

 

Bonus fili Thomei

I

II

 

 

Jorgius

I I I I

I I I I I

I

 

Dominus

I*

I I I I I

I

*et eius fratres

Armilia

I I*

I I

 

*con Bonaccorsius

Tapusius

 

I I I I

 

 

Bonacurssius

I*

I I I

I

*con Armilia

Walterinus

I I

I I I

 

 

Mazonus

I I I I I*

I I I I I I I

I

*con Zaneta

De Morando

 

I I^

 

*fili Morandi

Odolricus

I

 

 

 

Monica

I*  I I I I

I I* I

 

*et fili

Belinus

I I

 

 

 

Avancius

 

I

 

 

Zulianus

I I

I I

 

 

Sonus

I I

I

 

 

Hirnricus

I*

I

 

*con Zordanus

Ingelmarius

I

 

 

et eius fratres

Bosolus

I

I

 

 

Benvenutus

 

I

 

 

Bonefacius

 

I

 

 

fili Bonaiudi

I

 

 

di Coredo

Nicolaus

 

I

 

 

Boverinus

 

I

 

figlia di Boverino

Zaneta

I

 

 

con Mazonus

Martino Bozolo

 

 

I

 

Heredes Benvenute

I

I

 

di Smarano

Fili q. Quatrosoldi

I

I

 

 

Segalla

 

I

 

 

Zordanus

I I*

 

 

* con Hinricus

Her. q. Marquadini

 

I

 

di Coredo

Oluradinus

I I

 

 

f. di Pavarino di Coredo

Boscus

 

I

 

 

Horabona

 

 

I

 

Fugaza

 

 

I

 

 

 

 

 

 

 


[1] Una “terra casalina” sembra sia un “sedime” cioè un terreno che prima era occupato da una casa ((Sedime: dal latino "sedĭmen", derivato di "sedĕre", "depositarsi".architettura) area occupata da un edificio e così definita a seguito della demolizione dello stesso)